Fecondazione assistita, quando l’aiuto arriva dal Cielo

admin Notizie Leave a comment   , , , , ,

160_129Può sembrare strano a dirsi, ma la fecondazione assistita è sempre esistita. Se oggi, infatti, ci si rivolge a centri specializzati, nei secoli precedenti ci si affidava a rituali per la fecondità o alla preghiera. Rituali che, in Campania, sono ancora molto sentiti.

SANTA MARIA FRANCESCA. Nel cuore dei Quartieri Spagnoli, a Napoli, si può assistere alla processione di donne in cerca di un figlio che visita la chiesa intitolata a Santa Maria Francesca delle Cinque Piaghe per andarsi a sedere sulla sedia che appartenne alla santa e per farsi sfiorare da una suora il ventre da un reliquiario con all’interno una vertebra e una ciocca di capelli della santa. Alcune donne dicono di avvertire una sensazione di calore e un formicolio e, a giudicare dagli ex voto che adornano la sala di attesa, molti sono i bambini nati dopo il pellegrinaggio, un pellegrinaggio che va avanti da oltre tre secoli e che è ormai famoso in tutto il mondo.

sedia_santaSAN RAFFAELE. Accompagnate dalla frase “Va a vasà o pesce e San Rafele” molte ragazze in cerca di un figlio sono entrate nella omonima chiesa di Materdei e hanno baciato il pesce che si trova in mano alla statua di San Raffaele con la speranza di rimanere incinta. Il Santo, infatti, nell’iconografia tradizionale è sempre stato raffigurato con alcuni pesci in mano. La consuetudine e la tradizione popolare ha mescolato l’elemento marino del pesce, inteso come abbondanza a quello sessuale. Oggi, l’usanza è andata un po’ scemando, ma qualche giovane donna ancora va a Materdei con la speranza di vedere esaudito il suo desiderio di diventare madre.
“Queste tradizioni sono la prova evidente che la fecondazione assistita esiste da sempre – dichiara il dottor Antonio Scotto, direttore del Centro per lo studio e la terapia dell’infertilità di coppia – in epoca antica si parlava di riti per la fertilità, poi è stata la volta delle invocazioni ai santi. Oggi ci si rivolge ai centri specializzati”.
“Certo, i miracoli possono sempre accadere, ma non è da escludere che la preghiera possa innescare un vero e proprio effetto placebo che sblocca la coppia, troppo concentrata sull’impossibilità di avere figli, agevolando quindi una possibile gravidanza, sia essa ottenuta naturalmente o con tecniche di procreazione assistita”, conclude il dottore Scotto.

Add a Comment