Lavoro: quando lo stress incide sulla fertilità

admin Notizie Leave a comment   , ,

TimenStressManagementEsiste un legame tra lo stress causato dal lavoro e l’abbassamento della fertilità sia maschile che femminile. Un elemento in grado di incidere negativamente anche sul successo delle tecniche di procreazione medicalmente assistita. A rivelarlo è una ricerca, presentata recentemente, nella quale si mettono in evidenza diversi aspetti della connessione tra fecondazione eterologa, sessualità e lavoro.

Un ambiente poco sereno condiziona le possibilità di procreazione

Sono numerosi i fattori che incidono sulla fertilità sia singola che di coppia. Tra questi, non va sottovalutato quanto possa risultare decisivo lo stress da lavoro-correlato. La ricerca, infatti, sottolinea come un ambiente di coppia poco sereno, caratterizzato da forte stress e continue situazioni di nervosismo, possa contribuire alla non riuscita dell’impianto dell’embrione. Per questo, si spiega nello studio, può risultare decisivo, per le coppie che scelgono di ricorrere alla fecondazione assistita, ricorrere ad un aiuto psicologico.

Il parere dell’esperto

Chiediamo al Dottor Scotto, in base a quanto emerso dalla ricerca, quanto possa realmente incidere l’aspetto emotivo e psicologico sulla riuscita di un percorso di fecondazione assistita.

“Nell’intraprendere un progetto di fecondazione assistita, un aspetto fondamentale, che non va mai trascurato, è quello legato alla sfera emotiva e psicologica, talvolta relegata sullo sfondo. È invece di primaria importanza che, a cominciare dallo specialista che segue la coppia, ci si renda conto che i condizionamenti legati alla psicologia, allo stress, alla tensione emotiva possono incidere sulla buona riuscita di un percorso di fecondazione. Per questo, dobbiamo mettere il massimo impegno a favore della coppia, vista non solo come composta da ‘pazienti’ ma, prima di tutto, da esseri umani con il loro mondo, le loro abitudini e preoccupazioni”. 

Add a Comment