Le cattive abitudini compromettono la gravidanza!

admin Notizie Leave a comment  

In cima alla classifica dei fattori che compromettono la fertilità ci sono sicuramente fumo, alcol, droghe e stress. Cattive abitudini che da sempre i medici raccomandano di modificare, che ora, oltre al buon senso, è oggi confermato da uno studio francese.

Una coppia che dopo un anno di regolari rapporti sessuali senza uso di anticoncezionali, non riesce a raggiungere una gravidanza ha sicuramente un problema di fertilità. La ricerca francese, sviluppata su un campione di 348 coppie che sono ricorse a tecniche di fecondazione assistita ha osservato l’impatto delle condizioni ambientali e dello stile di vita sulla fertilità. Il team di ricerca ha rilevato che le coppie osservate, con problemi di fertilità, consumavano alcol con una percentuale decisamente superiore alla media nazionale, fumavano di più e facevano uso occasionale di cannabis.

Aggiungendo a questo lo stress sul lavoro, è quasi naturale che la fertilità della coppia fosse compromessa. “Con uno stile di vita più sano e un po’ di prevenzione gran parte delle difficoltà incontrate dalle coppie si sarebbero risolti “, ha detto Silvia Alvarez, ginecologo del team di ricerca. In uno studio precedente, effettuato tra il 2005 e il 2009, la fertilità delle pazienti era migliorata in funzione della modifica sostanziale delle loro cattive abitudini tra i tre/sei mesi dopo,  registrando altissime percentuali di successo nella pratica di tecniche di procreazione assistita e di gravidanze spontanee.

“L’interesse per le abitudini dei pazienti è via via aumentato nella comunità medica, con particolare attenzione alla sterilità. Oggi, la verifica dello stile di vita è parte integrante della storia clinica del paziente, perché è oggettivamente un fattore che va considerato parte essenziale di un approccio per affrontare i problemi di fertilità in modo globale”, dice il dottor Scotto, che opera a Napoli come direttore di uno dei Centri per la Fecondazione Assistita più importanti del Mezzogiorno.

 

Add a Comment