Maddalena: la storia di due genitori follemente innamorati della loro bimba (2a parte)

admin Notizie Leave a comment  

cododo-co-sleeping-10294_w1000E se fossimo semplicemente egoisti perché, pur sapendo che siamo a rischio di trasmissione di una grave malattia ereditaria al nostro bambino, stiamo pianificando ugualmente di metterne al mondo uno?

Tuttavia, gli anni passavano, e io non riuscivo a rimanere incinta. Chissà che i nostri timori non ci abbiano condizionato nei tentativi ma sembravamo entrambi pieni di dubbi sul da farsi e preda di umori altalenanti. Ok, vogliamo un altro figlio, ma se poi dovesse essere ammalato anche lui? Così passavano i giorni, da un umore all’altro.

Ad un certo punto, è stato necessario guardarci negli occhi e andare a fondo: se vogliamo un altro bambino dobbiamo prendere ogni precauzione per far sì che sia sano. Così abbiamo iniziato ad informarci e abbiamo deciso di intraprendere un percorso di fecondazione assistita ricorrendo alla diagnosi pre impianto.

Una decisione ponderata e per nulla semplice: un atto d’amore prima di tutto nei confronti della nostra Maddalena, alla quale volevamo continuare a dedicare tutte le nostre energie.

Dal momento in cui questa decisione è diventata un nuovo obiettivo della nostra vita familiare, non sono riuscita a smettere di immaginare il viso di Maddalena sorridente e felice per l’arrivo di un fratellino.

Sappiamo che il nostro percorso è diverso da quello di molte famiglie. Ci siamo sposati che eravamo ancora teenager, abbiamo una figlia unica e speciale che ha bisogno di molte cure. E il nostro secondogenito sarebbe nato dopo analisi accurate e un percorso di fecondazione assistita. Un giorno ci guarderemo indietro e sorrideremo pensando a quante sfide abbiamo superato.

Nel frattempo possiamo considerarne vinta un’altra: il bambino che aspetto è sano, lo sappiamo con certezza. Lo sento scalciare dentro di me. Si chiamerà Christian e sarà bellissimo, come Maddalena.

Add a Comment